«La missione appartiene all'essenza profonda della Chiesa. Proclamare la parola di Dio e testimoniarla al mondo è essenziale per ogni cristiano. Nello stesso tempo, però, è necessario farlo rimanendo fedeli ai principi evangelici, amando e rispettando ogni persona».


Comincia con queste parole un breve documento di cinque cartelle intitolato:
Christian Witness in a Multi-religious World.
Recommendations and conduct

diffuso nei giorni scorsi a Ginevra dal Consiglio ecumenico delle Chiese.
Un testo molto importante dal punto di vista ecumenico:
è infatti il risultato di una riflessione sullo stile che deve assumere
la missione ad gentes in un molto multi-religioso
che ha visto per cinque anni confrontarsi insieme:

il Consiglio ecumenico delle Chiese,

il Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso
della Chiesa cattolica,

e – per la prima volta – anche la
World Evangelical Alliance, l'organismo che rappresenta quei movimenti evangelical del mondo protestante che non aderiscono al Consiglio ecumenico delle Chiese. 

 Si tratta dunque di un documento rappresentativo di oltre il 90 per cento delle denominazioni cristiane presenti oggi nel mondo. Un "codice di condotta" comune.  Un apposito gruppo di lavoro  ha lavorato per cinque anni su questo tema. La riflessione prese il via a Lariano, in Italia, nel 2006 in un seminario significativamente aperto anche a rappresentanti delle altre religioni.  Un incontro in cui emerse chiara la necessità di elaborare uno stile di missione in cui sia la  libertà religiosa (e il diritto alla conversione) sia il rispetto per le altre fedi siano valori non-negoziabili. Da quella base i tre grandi organismi cristiani hanno cominciato a lavorare su un testo che è stato approvato durante un incontro svoltosi a Bangkok, in Thailandia, nel gennaio scorso.

 

Il cuore del documento sono un elenco di dodici principi
che definiscono lo stile della missione cristiana
in un contestto interreligioso.

Alla base di tutto c'è il riconoscimento del primato dell'amore di Dio: «I cristiani credono che Dio sia la sorgente di ogni amore e, di conseguenza, nella loro testimonianza sono chiamati a vivere l'amore ed amare il prossimo come se stessi».
 


Ma non c'è posto lo sfruttamento di situazioni di povertà e di bisogno nello stile del cristiano. I cristiani devono denunciare e astenersi dal praticare ogni forma di seduzione, inclusi incentivi e premi in denaro, in questo tipo di servizio».

Nel punto 6 si dice che «i cristiani sono chiamati a rifiutare ogni forma di violenza, anche psicologica e sociale, incluso l'abuso di potere nella propria testimonianza».

Il 7 afferma il valore profondo della libertà religiosa che include «il diritto di professare pubblicamente, praticare, diffondere e cambiare la propria religione».

Il punto 9 invita al rispetto per le culture dei popoli «anche là dove il Vangelo sfida alcuni loro aspetti»,

Infine vale la pena di citare la raccomandazione finale che chiude il testo: «Raccomandiamo a tutti di pregare per il prossimo e per il suo benessere, riconoscendo che la preghiera è parte integrante di ciò che siamo e di quello che facciamo, come pure della missione affidataci da Cristo»

Clicca qui per scaricare il testo integrale in inglese del documento
Christian Witness in a Multi-religious World

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO SU MISSION ON LINE QUI