Crea sito

Entries tagged with “francesco”.


Cristiani e musulmani sono fratelli

 papa-africa

Lo ha ribadito Papa Francesco alla Moschea centrale di Bangui a Koudoukou dove ha incontrato la Comunità Musulmana nella repubblica Centro Africana.

 

Dobbiamo dunque considerarci come tali, comportarci come tali. Sappiamo bene che gli ultimi avvenimenti e le violenze che hanno scosso il vostro Paese non erano fondati su motivi propriamente religiosi.

Chi dice di credere in Dio dev’essere anche un uomo o una donna di pace. Cristiani, musulmani e membri delle religioni tradizionali hanno vissuto pacificamente insieme per molti anni”

 

- LEGGI ANCHE: Il Papa in Africa, lotta alla strumentalizzazione delle religioni

 

- LEGGI ANCHE: L’Africa del viaggio di Papa Francesco

 

 

Il Papa e l'imam di Koudoukou nella Moschea di Bangui, nella Repubblica Centrafricana

Il Papa e l’imam di Koudoukou nella Moschea di Bangui, nella Repubblica Centrafricana

Il no alla ‘teologia politica’, ribadito dal Papa in Africa

02/12/2015 12:31Secondo Massimo Borghesi, docente di filosofia morale all’Università di Perugia, il filo rosso che ha legato le tre tappe del viaggio africano di Francesco è stata la condanna alla ‘teologia politica’

 

Il Papa con l'imam di Bangui

Il Papa con l’imam di Bangui

Card. Filoni: anche musulmani aprano Porta Santa della misericordia

02/12/2015 12:02Una nuova speranza per la pace, il dialogo e la giustizia: Così il cardinale Fernando Filoni, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, ha definito il viaggio di Papa Francesco in Kenya, Uganda e Centrafrica.

 

 

Mercoledì  20 marzo Papa Francesco ha incontrato i delegati delle Chiese e comunità cristiane in dialogo ecumenico con Roma, insieme a rappresentanti dell’ebraismo, dell’islam e di altre religioni.

 

“La Chiesa cattolica è consapevole dell’importanza che ha la promozione dell’amicizia e del rispetto tra uomini e donne di diverse tradizioni religiose; questo voglio ripeterlo: promozione dell’amicizia e del rispetto tra uomini e donne di diverse tradizioni religiose. (…) Essa è ugualmente consapevole della responsabilità che tutti portiamo verso questo nostro mondo, verso l’intero creato, che dobbiamo amare e custodire. E noi possiamo fare molto per il bene di chi è più povero, di chi è debole e di chi soffre, per favorire la giustizia, per promuovere la riconciliazione, per costruire la pace”.

Quanto al dialogo interreligioso, cercare la collaborazione anzitutto sul piano della legge naturale e del «bene comune», e comprendere che le religioni oggi devono necessariamente collaborare di fronte al secolarismo che guarda l’uomo alla sua sola dimensione materiale riducendolo  a ciò che produce e a ciò che consuma.

 

Gli atei stessi possono riconoscere quanto necessaria sia quest’apertura al sacro.  Così il Papa saluta pure «quegli uomini e donne che, pur non riconoscendosi appartenenti ad alcuna tradizione religiosa, si sentono tuttavia in ricerca della verità, della bontà e della bellezza». Questi non credenti «in ricerca» possono essere, anzi di fatto «sono nostri preziosi alleati nell’impegno a difesa della dignità dell’uomo, nella costruzione di una convivenza pacifica fra i popoli e nel custodire con cura il creato».

 

Quanto all’ecumenismo con gli altri cristiani, partire non dalle mediazioni umane ma dalla fede. “Ho riconosciuto spiritualmente presenti le comunità che rappresentate. In questa manifestazione di fede mi è parso così di vivere in maniera ancora più pressante la preghiera per l’unità tra i credenti in Cristo e insieme di vederne in qualche modo prefigurata quella piena realizzazione, che dipende dal piano di Dio e dalla nostra leale collaborazione”.

 

 

IN UNA LETTERA INVIATA AL PAPA IL DALAI LAMA  SI E’ CONGRATULATO  PER LA DECISIONE DI SCEGLIERE IL NOME DI FRANCESCO MAI USATO DAI SUOI PREDECESSORI. 

IL LEADER SPIRITUALE TIBETANO HA VOLUTO ESPRIMERE LA SUA GIOIA. NONOSTANTE LA MIA SCARSA CONOSCENZA DEI SANTI CATTOLICI -HA SCRITTO, RIVOLGENDOSI DIRETTAMENTE AL PAPA-  CONOSCO SAN FRANCESCO AVENDO VISITATO ASSISI.  SONO COMMOSSO NELL’APPRENDERE CHE QUESTO E’ IL NOME DA TE SCELTO PER   IL TUO PAPATO”.

 

REAZIONI DEI LEADERS RELIGIOSI:

osservatore romano 15 marzo 2013 2

 

Per approfondire  leggi gli articoli:

http://247.libero.it/focus/25021532/4/papa-francesco-incontra-rappresentanti-di-altre-chiese-e-religioni/

http://www.repubblica.it/esteri/2013/03/20/news/papa_musulmani_dialogo-54981417/

http://www.laperfettaletizia.com/2013/03/il-papa-alle-chiese-cristiane-e-alle.html

http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/papa-incontra-delegati-fraterni.aspx

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-religioni-collaborazione-contro-il-secolarismo-6071.htm